LA GIUSTIFICAZIONE

1°-La Natura della Giustificazione: "Assoluzione Divina"

La parola "Giustificare" è un termine giuridico che significa " Assolvere", dichiarare giusto, emettere sentenza di assoluzione. Possiamo definire la Giustificazione come: un atto sovrano e libero della grazia di Dio, mediante il quale Egli perdona tutti i nostri peccati, cancella tutte le nostre colpe e ci accetta come giusti alla Sua presenza, come se non avessimo mai peccato unicamente per la giustizia di Cristo, e ricevuta solo per fede".

C'è differenza tra " Perdono" e " Giustificazione" Il Perdono cancella la condanna; la giustificazione cancella la colpa. Quando il presidente della Repubblica concede la grazia ad un ergastolano, cancella la condanna, non è che quando esce scompare il crimine che ha commesso (Colpa). Il Perdono può cancellare solo la condanna, Dio non ci ha solamente perdonati, ma mediante la giustificazione Dio cancella la colpa, davanti a Lui è come se non avessimo mai peccato. (Isaia 43:25; Rom.8:33-35; Atti 13:38-39)

- " La Giustificazione è un mutamento di posizione davanti a Dio.-

Mentre prima era condannato, ora è assolto; mentre prima era sotto la condanna divina, ora è stato liberato dall'ira avvenire.

2°- La Necessità della Giustificazione:La Condanna dell'Uomo"

La domanda di Giobbe (9:2 " Come potrebbe il mortale essere giusto davanti a Dio?) è in realtà quella stessa rivolta a Paolo dal carceriere di Filippi: Che debbo fare per essere salvato (Atti 16:30) La Giustificazione è necessaria a causa del peccato che ha interessato tutti gli uomini. In Adamo tutti gli uomini sono caduti e da lui tutti hanno ricevuto una natura debole per praticare la giustizia. Così tutto il mondo è stato dichiarato colpevole davanti a Dio. Le Scritture dimostrano che l'uomo è peccatore per natura, è un peccatore per scelta deliberata, è un peccatore agli occhi di Dio. ( Rom. 3:9-10, 23; 11:32;) La risposta a questa domanda si trova nel N.T., specialmente nell'Epistola di Paolo ai Romani che presenta il piano della Salvezza in maniera dettagliata, ci dice come il peccatore può cambiare la sua posizione davanti a Dio, così da essere in regola con Dio. ( Rom. 1:16-17

3°- La Fonte della Giustificazione: " La Grazia"

Grazia significa " Favore, è il " Favore di Dio non meritato dall'uomo" La Grazia non può mai creare un debito, ciò che Dio dà come dono, non lo possiamo mai ricompensarlo o pagarlo. La salvezza è presentata come "Dono di Dio", un dono immeritato ed impagabile, un puro beneficio di Dio. ( Rom. 6:23)

La Grazia è il mezzo con il quale Dio si appressa al peccatore, indipendentemente dai meriti o demeriti di quest'ultimo. Dio, attraverso l'Espiazione di Cristo, può perdonare il peccatore, perché il peccato è perdonato grazie alla giustizia che Cristo ha acquistata per noi. (Rom.3:24; Efes. 1:6-8; 2:5-6, 8-9; 1Giov.1:7-9)

4°- La Base della Giustificazione: "La Giustizia in Cristo"

Apostolo Paolo ai Romani cap. 3:10 dice:" Non c'è nessuno giusto, neppure uno", allora come può Dio trattare il peccatore come giusto? Donandogli la giustizia, come? Il Signore Gesù Cristo lo ha guadagnato per conto del peccatore, che è dichiarato giusto " Attraverso la Redenzione in Cristo" Redenzione significa liberazione completa in seguito al pagamento di un prezzo.

- " Cristo ha guadagnato la giustizia con la Sua morte Rom. 3:25

-" Cristo ha acquistata la giustizia morendo per noi Isaia 53:5,11; 2Cor.5:21; Rom.4:6; Rom. 5:15,18-19.

La morte di Cristo ha soddisfatto appieno la giustizia di Dio, e fu un atto di perfetta ubbidienza, tutto questo è stato fatto per conto nostro e messo a nostro credito. " Dio ci accetta come giusti davanti a Sé solo per la giustizia di Cristo a noi ascritta" Cristo ha espiato la nostra colpa, ha soddisfatto la legge, attraverso l'ubbidienza e la sofferenza, ed è divenuto il nostro sostituto; se siamo uniti a Lui per la fede, la Sua morte diviene la nostra morte, la Sua giustizia la nostra giustizia, la Sua ubbidienza la nostra ubbidienza. Pertanto Dio ci accetta per la perfetta Opera di Redenzione che Cristo ha fatto per noi. Dio in Cristo ha dato a noi una veste di Giustizia e dobbiamo avere cura di purificarci come Egli è puro. (1 Giov. 3:3.)

5°- Il Mezzo della Giustificazione: " La Fede"

Apostolo Paolo scrivendo ai Romani nel cap.3:20 "Perché mediante le opere della Legge nessuno sarà giustificato davanti a Lui" Si è giustificati unicamente perché Cristo ha soddisfatto appieno la giustizia di Dio e noi possiamo essere salvati. Questo ci fa capire che la salvezza è un "Dono", ma il dono deve essere accettato, per " Fede". La Fede in Cristo è lo "strumento" che si appropria della giustizia di Cristo. La Fede è la mano, figuratamene parlando, che prende ciò che Dio offre. ( Rom.3:22; 4:11; 9:30; Ebr.11:7; Fil. 3:9) La dottrina della giustificazione per la grazia di Dio, attuata attraverso la fede dell'uomo, rimuove due pericoli:

- " Orgoglio

L'orgoglio della propria giustificazione e dei propri sforzi;

- " Debolezza

Il timore di essere troppo deboli per essere giustificati.

La Giustificazione ha come risultato:

" -Pace con Dio Rom.5:1; Col.1:20

-" Libero Accesso a Dio Rom.5:2; Ebr.5:19-20

-" Allegrezza a) In Dio Rom.5:11 b) Nella speranza della gloria Rom.5:2 c) Nelle prove e nelle afflizioni Rom.5:3

- " Liberazione dalla condanna eterna Rom.8:1, 33-34

-" Dall'Ira di Dio Rom.5:9

Dio Ti Benedica

Giuliano Guarnieri

Chiesa Cristiana Evangelica ADI Battipaglia - Via Olevano, 37/39 - 84091 Battipaglia (SA)
Perchè Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinchè chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia VITA ETERNA.Giov. 3:16

Chiesa Cristiana Evangelica ADI Battipaglia (SA)

Studi Biblici

Ente morale di culto D.P.R. 5.12.1959 n° 1349 , Legge 22.11.1988 n° 517