UN INVITO AD ANDARE A GESU' Matteo 11:28

Gesù rimprovera le città nelle quali è fatta la maggior parte delle Sue opere potenti, perché non si erano ravvedute. Per loro ci sarebbe stato il giudizio Divino, perché l'uomo ha rifiutato volontariamente di ascoltare Colui che parla da parte di Dio per il bene dell'umanità. Ma Gesù prima del giudizio, vuole ancora oggi, manifestare la Sua Misericordia. Bontà il Suo Amore verso l'umanità perduta a causa del peccato. Gesù vede la condizione disperata dell'umanità, vede l'uomo "Affaticato ed oppresso" esso è in ansia per questa vita, oppresso da problemi, prove, soprattutto dal male e dal peccato, vorrebbe liberarsi, ma non può perché legato alle forze del male che sono nel mondo. Uomo per il suo orgoglio, superbia si sta autodistruggendo con le proprie mani, fa esperimenti nucleari, inquinando il pianeta, l'aria, il mare e tutta la natura che Dio ha creato. Il mondo è in guerra, c'è sofferenza, malattie, e Dio che dall'alto dei cieli vede tutto, vuole intervenire a favore dell'uomo. Gesù un giorno sfamò una moltitudine di persone perché: "Vedendo le folle, ne ebbe compassione, perché erano stanche, sfinite". Gesù fa un invito e dice: "Venite a me" I Mass-Media, fanno degli inviti agli uomini di aderire a questa o quella religione, invitano gli uomini ad andare dai chiromanti, indovini, maghi per sapere il loro futuro o risolvere i loro problemi, fisici o mentali. Ma alla fine rimane la delusione, illusione, perché c'è solo una Persona che può cambiare la tua vita e risolvere i tuoi problemi: Cristo Gesù. In Isaia 55 è scritto: "Porgete orecchio e venite a me; ascoltate e vivrete; io farò con voi un patto eterno, vi largirò le grazie stabili promesse a Davide". L'invito di Gesù è universale ed è gratuito, Egli non fa distinzione, secondo i criteri umani, ma vuole che "Tutti gli uomini siano salvati e vengano alla conoscenza della verità" ( 1Timoteo 2:4). Non si paga per essere salvati dal peccato e dall'ira avvenire, è tutto gratis perché è il Dono di Dio. Il profeta Isaia dice al cap.55 "O voi che siete assetati, venite alle acque; voi che non avete denaro venite, comprate e mangiate, venite comprate senza denaro, senza pagare, vino e latte" Dio in Cristo fa compiuto tutto per noi. Quando accetti invito che Gesù ti rivolge, realizzi il perdono dei peccati e il riposo della tua anima, "Venite a me…e io vi darò riposo" . Il peccato ha separato l'uomo da Dio rendendolo infelice, insoddisfatto, ma quando vai a Cristo il tuo peccato è espiato, il peso che opprimeva il tuo cuore è rotolato e tu realizzerai la serenità interiore che hai sempre ricercato e che non hai mai posseduto. Il Principe di Pace sarà con te e in te: Gesù. Dallo stato di ansietà passerai allo stato di tranquillità, dalla paura all'allegrezza, dalla morte spirituale alla vita e vita eterna. Nell'epistola agli Ebrei 4 è scritto: "Stiamo attenti: la promessa di entrare nel suo riposo è ancora valida e nessuno di voi deve pensare di esserne escluso. Poiché a noi come a loro è stata annunciata una buona notizia; a loro pero (Ebrei) la parola della predicazione non giovò a nulla non essendo assimilata per fede da quelli che l'avevano ascoltata. Noi che abbiamo creduto, infatti, entriamo in quel riposo." Caro lettore, davanti a tanto amore che Dio ha manifestato, fai una scelta, vai a Gesù per essere salvato, perdonato e trovare pace al cuore; ma se rifiuti l'invito resterai nella condizione di miseria spirituale, continuerai a vivere nella disperazione e nell'insoddisfazione, e alla fine ci sarà l'eterna separazione da Dio per l'eternità. Gesù ti consiglia di andare a Lui, non tardare perché: "Oggi è il giorno di grazia, oggi è il giorno della salvezza".

Dio ti benedica

Giuliano Guarnieri

Chiesa Cristiana Evangelica ADI Battipaglia - Via Olevano, 37/39 - 84091 Battipaglia (SA)
Perchè Dio ha tanto amato il mondo che, ha dato il Suo Unigenito Figlio, affinchè chiunque crede in Lui non perisca, ma abbia VITA ETERNA.Giov. 3:16

Chiesa Cristiana Evangelica ADI Battipaglia (SA)

Meditazioni

Ente morale di culto D.P.R. 5.12.1959 n° 1349 , Legge 22.11.1988 n° 517
Indietro